(Forse) in Thailandia per circa 28 giorni…

Buonasera a tutti,

Questo blog oramai è diventato asincrono rispetto alle mie scelte di vita, ma almeno in questo caso mi sentivo in dovere di fare un aggiornamento. Vi chiederete il perchè della scelta dell’immagine di anteprima: c’è una storia dietro ovviamente.

Ma prima di tutto un aggiornamento personale

A ottobre ho definitivamente lasciato Milano per intraprendere un mio percorso personale indipendente. Ho trascorso alcuni mesi a Bologna e a Natale sono rientrato a Rivarolo Canavese per preparare una missione spaziale i miei prossimi passi.

Per varie ragioni (che per ora ho spiegato solo a colleghi ed amici più prossimi) mi sto prendendo questo primo semestre del 2017 per una “pausa esplorativa”, in cui visiterò diverse nazioni e che probabilmente mi porterà fuori dall’Italia in via definitiva.

Insomma, non è una fuga precipitosa, è un modo per assecondare il mio spirito da esploratore. E possibilmente lasciare alle spalle il freddo gelido del nord-ovest (a parte che in questi giorni il freddo è arrivato un dappertutto).

La prima tappa sarà, se tutto va bene, la Thailandia.

Perchè la Thailandia ?

Come per il viaggio in Brasile, i prossimi viaggi avranno una natura principalmente di affari, infatti il mio intento è di visitare paesi dove ho colleghi con i quali fare delle attività in sinergia.

In questo momento in Thailandia, nella città di Chiang Mai, vive un mio amico ed ex-collega dei tempi di Milano quando lavoravo in Sems/Fullplan.

Questo vuol dire che starò principalmente a Chiang Mai per i circa 28 giorni del viaggio.

Magari riuscirò a fare una capatina nelle isole del sud, perchè Chiang Mai è nel nord, in mezzo a montagne e foreste 😉

map
Si, è MOLTO a Nord.

Ma perchè 28 giorni?

Perchè ho fatto male i conti: si può andare in Thailandia senza bisogno di fare visti particolari, basta avere un passaporto italiano e si può stare 30 giorni senza costi aggiuntivi.

Il problema (numero 1) è che ieri (martedì 17 gennaio 2017) sono arrivato in aeroporto e mi hanno che in realtà contano anche i giorni di volo (andata e ritorno), quindi conteggiando tutto quanto si trattava di 32 giorni.

L’altro problema (numero 2) è che non potevo fare un visto per estendere la permanenza, perchè il mio passaporto scade tra 6 mesi.

Devo dire che al check-in sono stati gentilissimi: mi hanno prospettato di anticipare il ritorno (pagando 500 euro per il cambio di classe, perchè i voli sono pieni) oppure di spostare la partenza di due giorni, ritornando quindi alle tempistiche ammesse, senza sovrapprezzo nonostante la tariffa non ammettesse cambiamenti.

Ho scelto la prima opzione e pazienza per lo sbattone di dover fare rivarolo-torino-malpensa (con il bus) per altre due volte, ma almeno non spendo 500 euro extra.

Morale della storia e della foto di copertina.

Quando la scadenza del vostro Passaporto è meno di 1 (uno) anno, sbrigatevi a farne uno nuovo, non aspettate la scadenza, si può rifare in qualsiasi momento.

Male che vada ammortizzerete il costo in 9 anni invece che in 10, ma almeno non avrete sorprese con i paesi extra Shengen (e chissà quanto durerà ancora l’Europa di questo passo).

Io rimango cautamente ottimista: questa cosa del cambio di volo non so che conseguenze potrà avere e se salirò sarà solo per la duttilità di alcune persone nei confronti di una regola ferrea.

A presto per nuovi aggiornamenti.

tigerkingdom-chiangmai-giant
mitico, c’è pure la tana delle tigri!
Annunci

Commenta!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...